Poveri mangiari: i vertis e le uova. #Mortai e #cannoni

Venerdý 13 Maggio 2022

Poveri mangiari: i vertis e le uova. #Mortai e #cannoni

 

 

Se qualche giorno fa vi abbiamo proposto l’asparago selvatico “vertis” nel parlare del mio contado. Villa, come si usava dire un tempo e come si riscontra consultando le vecchie carte, Villa di Panocchia, appunto, a un tiro di mortaio da Parma, anche oggi andremo a dilettarci in cucina con lo stesso ingrediente.
Chiediamo comprensione anche per il linguaggio, per “mortaio cannone”, ma gli informatici ci suggeriscono che più che alla grammatica bisogna fare attenzione all’ algoritmo che paga più di quanto spendevano i villani per gustarsi il piatto che andremo a descrivere e alla cui preparazione daremo tutta l’attenzione grammaticale e non algoritmica.

 

 

Lasciamo quindi questa materia un pochettino ostica per il nostro sapere e rincorriamo la crescita del nostro asparago selvatico che in questo periodo matura più a monte, ad una cannonata dalla nostra bella città, sulle dolci prime colline, risalendo quel fiume che la divide fra la “Pärma nuova e la Pärma vecia” meglio conosciuta come “dedlà da l’acqua” dove nelle vecchie osterie spesso frequentate dai carrettieri si usava consumare questo piatto povero ma nel medesimo tempo ricco di sapori e che sapeva dare vigore.

Procuriamoci per due porzioni normali 3 uova, 150gr di punte di Vertis, aglio fresco dell’orto, 1 cucchiaio di formaggio, uno di latte, uno di evo, sale pepe a piacere.
Per prima cosa puliamo e laviamo i nostri asparagi tenendo come sempre intera la punta e a rondelle la rimanente parte.
Cuociamo in giusto olio con un bel spicchio o due di aglio che andremo a togliere a fine cottura, quando il tutto sarà cotto ma non sfatto.
A parte sbattete le uova con il formaggio, sale pepe e il latte unite il tutto e amalgamate
Oliate il tegame versate il tutto e fate cuocere per 7/8 minuti, girate con l’aiuto del coperchio e date altri 5 minuti.
Ora il piatto è pronto si consuma sia caldo che freddo. Freddo è ottimo per fare un bel panino d’asporto.
Vertis e uova di pollaio fresche è un ottimo abbinamento, ottimo anche con le uova all’occhio di bue.
Noi dell’agriturismo Ciato siamo affezionati all’asparago, proprio nella sua patria Altedo, partecipammo alla disfida annuale di cucina e ci classificammo secondi “asparago d’argento” con l’”asparago in camicia”.

 
 
 

 
 

 

Contattaci