Intervento del ns. titolare al convegno di Palanzano

Mercoledý 15 Novembre 2006

Intervento del ns. titolare al convegno di Palanzano

Sviluppo e opportunita per la montagna Il tema che il Sindaco di queste meravigliose terre mi ha assegnato, nel suo titolo parla di prodotto di qualitÓ, marchio territoriale, ma io vorrei spingermi oltre, alla vendita di questo prodotto, vendita che significa chiusura del cerchio anche economico del percorso produttivo. E ne approfitto, vedendo qui illustri esponenti che sicuramente con la loro presenza manifestano interesse al convegno che questa amministrazione con grande sensibilitÓ ha messo in atto. Solitamente al prodotto viene assegnata una qualitÓ QualitÓ Ŕ un aggettivo di condizione delle cose rispetto a natura, indole, forma, apparenza, sapore, valore, attribuito ad una materia, per cui pu˛ essere giudicata buona, cattiva, mediocre superiore, ecc. Ma nel linguaggio pi¨ corrente qualitÓ Ŕ sinonimo di garanzia di bontÓ o di processo. E noi su questo territorio abbiamo delle bontÓ e sicuramente delle garanzie di processo. Il parmigiano n?ę Ŕ un esempio, ma anche tanti altri prodotti di nicchia meno conosciuti, ma riconosciuti,é─Â.. posso pensare ai piatti della ristorazione locale, ai prodotti del bosco, agli animali autoctoni. Ma analizziamo pure il pi¨ conosciuto dei prodotti, parliamo cioŔ del parmigiano- reggiano che si fregia anche del marchio DOP. E qui vi pregherei veramente di seguirmi con un attimo di attenzione, per evitare fraintendimenti, come successo un poé─˘ di tempo fa quando in televisione invitavo il turista a venire sul nostro territorio per conoscere i nostri prodotti che si coronano e si fregiano di un marchio, ma pur essendo promossi con il massimo dei voti, a seconda dellé─˘opificio in cui vengono prodotti, ognuno di loro estrinseca alcune particolaritÓ che lo differenziano. Quindi tutti laureati ma con alcune diversitÓ. Cosa importante e fondamentale specialmente in questo frangente, dove la globalizzazione sta cercando di rendere tutto uguale ed omogeneo. Non Ŕ mio compito ne potrei averne le competenze, essendo poi anche molto soggettivo definire un grana DOP migliore dellé─˘altro, ma non vi Ŕ dubbio che il grana di montagna ha caratteristiche diverse da un grana della bassa pianura, per le condizioni, appunto, per la natura, per lé─˘ambiente in cui ha origine, se poi vi si aggiunge anche la razza delle bovine, i sapori, gli aromi cambiano sicuramente. Ma vi Ŕ un altro valore aggiunto a mio avviso poco sfruttato, siamo allé─˘interno di un parco. Quanto succitato Ŕ oltremodo importante se consideriamo che oggi chi sceglie prodotti alimentari tipici non lo fa per sfamarsi, ma per offrirsi un piacere esclusivo ed unico. E nel mercato globale lé─˘unicitÓ Ŕ caratteristica di straordinaria importanza, che si ottiene essenzialmente con due fattori: o lé─˘innovazione continua o il riferimento alle tradizioni. Lé─˘innovazione Ŕ clonabile. La tradizione no, pena il falso. Dimostrato che abbiamo lé─˘attrattore per innescare un nuovo processo a livello territoriale, dobbiamo farlo diventare appetibile al mercato, abbiamo la necessitÓ di renderlo visibile e soprattutto trasmettere la cultura che sta dietro al prodotto perch?ę sia fruibile nel migliore dei modi e lasci traccia indelebile nella memoria. Per fare questo Ŕ indispensabile individuare quel flusso turistico conoscitivo che spesso vagabonda senza una precisa meta. Due sono gli esempi che vorrei portare. A questo proposito, mi Ŕ caro ricordare i Bronzi di Riace che crearono file di attesa finch?ę erano collocati a Firenze e i media ne parlavano, mentre oggi nella loro sede del museo di Reggio Calabria giacciono quasi dimenticati. Se non creano flusso turistico le due statue pi¨ belle del mondo pu˛ crearlo un circuito enogastronomico fuori dai circuiti dei grandi flussi turistici? Acclarato che nessuno viaggia per 300 km. per andare in un fast food, poich?ę nella maggior parte sono tutti eguali, e che tanto vale andare al pi¨ vicino, sono le cose uniche, inimitabili e percepite come non surrogabili che valgono il viaggio. Il Colosseo Ŕ unico, altrettanto Venezia, ma anche alcuni nostri prodotti sono unici e non imitabili perch?ę parte del nostro patrimonio territoriale. Basta un attrattiva per avere successo? In altre parole, la cascata pi¨ grande del mondo in mezzo alla foresta equatoriale e destinazione turistica? No! Per avere successo occorre una rete di vendita, un organizzazione di incoming e una rete di offerta che consentano al visitatore di arrivare, dormire, mangiare, vedere, comprareé─ Noi, dico noi come strada del prosciutto e dei vini dei colli di Parma, che dati Censis ci posizionano se non prima fra le prime delle 126 esistenti in Italia, ad alcune cose abbiamo ottemperato, mi riferisco alla segnaletica in fase di aggiornamento in questi giorni, alla predisposizione della carta dei prodotti in distribuzione, alla guidina distribuita in occasione di cibus, alla nuova cartoguida che oltre ad evidenziare tutte le aziende aderenti riserva grande risalto alle emergenze turistiche, al catalogo in stampa in questi giorni, con pacchetti preconfezionati o da confezionarsi in modo autonomo, ma tutto ci˛ non basta, dobbiamo migliorare lé─˘accoglienza, punti di informazione sui prodotti, per terminare con punti di degustazione e di acquisto pi¨ accessibili.. Altro elemento fondamentale del successo Ŕ instillare nella gente il desiderio e creare lé─˘attesa della conoscenza diretta. A tale proposito Ŕ necessaria una buona comunicazione. Anche se sul nostro percorso esistesse un sentiero decantato dal Dante e ritratto da Raffaello non sarebbe sufficiente. Perch?ę, bruciasse anche il Groppo di Vairo, non fa notizia, ma un ramo che cade sullé─˘auto presidenziale, se poi la macchina appartiene a Putin, va su tutti i giornali del mondo. Come affermare che un banale evento copre in pochi secondi lé─˘informazione mondiale, mentre grandi eventi non di interesse mediatici rimangono a livello locale. La differenza non Ŕ data dal fatto quanto tale, ma nella quantitÓ di comunicazione dedicata. Altro interrogativo che dobbiamo porci; chi Ŕ lé─˘enogastronauta o turista del gusto? Se lé─˘idea Ŕ di catturare il turismo dellé─˘arte diretto agli eventi della cittÓ oppure portare sul territorio chi trascorre le vacanze sulle riviere a noi vicine, dovremo sviluppare attivitÓ collaterali come la ristorazione di qualitÓ e la vendita di prodotti del territorio. Non possiamo in ogni caso escludere lé─˘arrivo di persone che hanno come principale motivazione lé─˘approvvigionamento di prodotti a basso prezzo con consumo quotidiano. IL vero autoenogastronauta non ha lo zaino sulle spalle, ma il turista per caso probabilmente si. Lé─˘attuale congiuntura economica sta accentuando questa tendenza e il risparmio sta incentivando gli acquisti nei giacimenti di produzione, specialmente sul target con minore cultura enogastronomia. Sicuramente su questo versante con lé─˘istituto delle strade abbiamo fatto tanto, ma molto rimane da fare, i nostri amici vengono, mangiano, bevono, quando va bene fanno piccoli acquisti e se ne vanno. Stiamo disperdendo un potenziale economico enorme sul quale comunque nel recente passato abbiamo investito tantissimo. Se riuscissimo ad aumentare almeno di un punto percentuale la permanenza avremmo un impennata di fatturato. Non essendo in possesso dei dati di flusso aggiornati, comunque sempre in difetto rispetto al reale, come bene sanno gli addetti ai lavori, e stimando una spesa media pro capite fra acquisti pranzo e soggiorno pari ad una media ragionevole di 130 éăĘ. Media nazionale per il nostro segmento, ci accorgiamo essere passato davanti a noi un treno carico di diversi miliardi delle vecchie lire. Il treno del turista si ferma solo se sappiamo approntare una stazione piena di opportunitÓ, i suoi occupanti sono viaggiatori nel termine letterario pi¨ stretto. I 130 éăĘ. A persona e spesso pi¨ valgono bene qualche emozione E le emozioni vanno progettate, costruite e vendute rispettando la storia, le tradizioni, la cultura e la tipicitÓ del territorio. Solo se sappiamo proporre esperienze ed emozioni uniche saremo in grado di fermare il treno sulla nostra stazione, perch?ę i suoi viaggiatori vogliono scoprire le nostre prelibatezze, le nostre terre, accompagnati da chi sa trasmettere i propri sentimenti, dati dal legame che solo chi ha vissuto e conosce a fondo il proprio lavoro e territorio Ŕ in grado di dare, sapendo in anticipo tutto sullé─˘itinerario che stanno per esplorare, per vivere appieno sensazioni autentiche del territorio ed incontrare citazioni culturali fruibili ed emozionanti. Acclarato che un territorio non si crea un anima turistica dallé─˘oggi al domani, considerato che lé─˘accoglienza, lé─˘ospitalitÓ Ŕ un arte difficile da interpretare, Ŕ un percorso da costruire assieme agli amministratori pubblici che devo comprendere che le é─˙feste di paeseé─¨ é─˙e feste autoreferenzialié─¨sono una cosa , lé─˘assistenza al turista tutté─˘altra. La virata culturale Ŕ enorme, ma se davvero vogliamo la nostra stazione, Ŕ inevitabile riconoscere agli operatori privati il loro ruolo, perch?ę non vi Ŕ certamente sviluppo del territorio se non viene coinvolta lé─˘azienda, lé─˘osteria o la resdora; che sono e rimangono i veri attori, i protagonisti che dallé─˘appartenenza ad un circuito non devono percepire che Ŕ solo ottenere un immagine sfuocata e periva di contenuti, ma un contenitore dal quale potere attingere vantaggi autentici per la propria immagine commerciale ed economica, con inevitabile ricaduta su tutto il territorio; ecco allora remunerato anche il coinvolgimento della massaia che da antagonista diverrÓ protagonista di accoglienza. Termino ringraziando il Sindaco, gli autorevoli ospiti e gli amici che condividono e credono nel rilancio di questi territori, che anché─˘io amo, questi volenterosi che hanno a differenza di altri il coraggio e la volontÓ di suonare le proprie campane a concerto.

Contattaci