Ti porto a spasso per Parma

Venerdý 02 Gennaio 1970

Ti porto a spasso per Parma

Il patrono di Parma è S. Ilario (315) discendente di aristocratica famiglia gallo-romana, sposato e padre di una bambina di nome Abra. Come lui molti altri personaggi storici, da Verdi a Bertolucci, da Guareschi a Toscanini hanno contribuito a fare di Parma un luogo ricco di cultura e tradizioni, un ambiente ricco di storie da scoprire.

Un viaggio, per amare una città che offre esperienze diverse nel segno della storia, della natura, dell’arte e, perché no, del divertimento. Parma è una piccola città, facilmente percorribile a piedi nel suo cuore storico, elegante, ricca di monumenti e opere d’arte, ed anche di luoghi particolarmente evocativi, soprattutto se si tratta di musica. Non è facile selezionare un itinerario, vista l’abbondanza di mete. Galleria Nazionale, la Camera di San Paolo e il Parco Ducale, uno dei tanti, consente in breve, di conoscere tre aspetti della città: arte, religiosità e natura.

Con un paio di giorni si può andare anche alla ricerca del cuore musicale e teatrale di Parma, passando per la magia del Castello dei Burattini o le ambientazioni tecnologiche della Casa della Musica fino a giungere al luogo che ricorda, anche ai parmigiani, il periodo più fecondo della storia cittadina: il museo Glauco Lombardi legato ai fasti del Ducato di Maria Luigia d’Austria.