CuriositÓ TRADIZIONI

Domenica 13 Maggio 2007

CuriositÓ TRADIZIONI

TRADIZIONI E si, si fa presto a parlare di tradizioni, ma quali tradizioni? Quelle della campagna coca-cola di Babbo Natale tanto cara ai bambini di oggi inventata negli anni trenta per rallegrare un poé─˘ gli americani impoveriti dalla recessione, che ha invaso tutto il mondo; quella dellé─˘uovo di cioccolata con i colori accattivanti dellé─˘involucro e da cioccolata che di cioccolata conserva solo il nome? ResterÓ poco a mia figlia e ai suoi coetanei, delle mie Pasque, e si, perch?ę, se penso alle mie Pasque, mi ritorna in mente la mia famiglia di mezzadri a Ciato, sulla pedemontana, dove allé─˘antivigilia si dava di scopa, dentro e fuori casa, la prima vera lavata annuale del pavimento con abbondante acqua e soda da cacciare fuori della cucina, dove porte e finestre rimanevano aperte per lé─˘intera giornata, essendoci i primi venti di fohn che avrebbero asciugato il pavimento in fretta. Ricordo perfettamente le manate e le cannellate (cannella, nel nostro idioma sta per matterello) sulle mie piccole mani, al giorno della vigilia, che cercavano di carpire un poé─˘ di ripieno per quella milionata di anolini che avrebbero fatto da arredamento sul ripiano del com˛ e gli ultimi sul tagliere appoggiato sul buff?ęt della stanzetta. (stanzetta, era una stanza adiacente alla cucina che svolgeva le funzioni di ripostiglio dove trovava posto anche lé─˘affettatrice é─˙Vittoriaé─¨ parente povera della pi¨ famosa é─˙Berckelé─¨) Rivivo gli odori ancor prima dei sapori di quei giorni in cui, quale fosse la stagione, eri in smania per sfoggiare lé─˘abbigliamento che ti avrebbe accompagnato per la primavera intera. Erano le giornate dove sul tavolo della cucina comparivano ingredienti che difficilmente avresti visto per alcuni mesi a venire, la bottiglietta dellé─˘alchermes che di nascosto a occhi indiscreti cercavi di portarti alle labbra per leccarti lo zucchero che si formava fra bottiglia e tappo a vite, o il cercare di intingere lé─˘indice nellé─˘albume montato, e smanioso aspettavi di ciucciare il cucchiaio servito a montare lo zabaglione con il marsala. Erano gli anni del dopoguerra dove stava prepotentemente avanzando quella é─˙bestiaé─¨ dellé─˘industrializzazione, ma dove ancora nelle campagne si ripetevano gesta di un inizio secolo ormai lontano.

Contattaci