Sant'Antonio Abate.

Lunedý 16 Gennaio 2012

Sant'Antonio Abate.

Domani sarà il giorno di S. Antonio Abate, protettore del Maiale, meglio di tutti gli animali. Il santo a cui ci si rivolgeva se affetti dall'omonimo herpes, si perché considerato anche il santo del fuoco che nessuna acqua poteva spegnere. Qui nella pedemontana parmense un tempo era una festa grande, oggi il prete finiva il giro della benedizione delle fattorie e la sua canonica straboccava di uova, salumi, polli e di ogni ben di Dio. Domani nelle aziende agricole si sarebbe operato solo per la cura degli animali. C'è chi sostiene che durante la notte del santo le mucche avrebbero parlato. Sant'Antonio abate detto anche sant'Antonio il grande, sant'Antonio d'Egitto, sant'Antonio del Fuoco, sant'Antonio del Deserto, sant'Antonio l'Anacoreta, dai parmigiani è più conosciuto come"sant'Antoni dal gosen". A lui si deve la costituzione in forma permanente di famiglie di monaci che sotto la guida di un padre spirituale, abbà, si consacrarono al servizio di Dio.

 

 

La sua vita è stata tramandata dal suo discepolo Anastasio d'Alessandria, essendo il monaco figlio di agiata famiglia egizia. Era inmancabile, di carta, di gesso o per i più facoltosi di ceramica, una sua immagine sulla porta dove venivano ricoverati gli animali. Segno emblematico del santo la croce aT sul suo saio. Normale che la nostra civiltà rurale fosse molto legata al santo rappresentato con il suo porcellino, fa parte della storia dell'evoluzione dei popoli italici, all'allevamento stanziale, alla possibilità  di quietare lo stomaco con le carni di quell'animale che se ben curate durano per tutto l'anno e come la musica del nostro concittadino Giuseppe Verdi, come si usa dire in queste terre, non si butta via niente. Noi vogliamo memorizzare la ricorrenza perché fa parte delle nostre tradizioni e la ricordiamo riportando anche una canzone napoletana legata alla vita e alle tentazioni del santo durante il suo eremitaggio nel deserto, perché anche il turismo in Italia è connesso altresì al canto da una lunga e solida tradizione. Cantando è più completa e piacevole l'evasione. Canti spontanei nati nella ruralità per un bisogno collettivo di chiudere in allegria una giornata. 

 

 

Bonasera cari amice
tutte quand le cristiane
questa sera v’aggia dice
de la festa de dimane
ca dimane è Sant’Antonio
lu nemice de lu Dimonio

RIT:
Sant’Antonio Sant’Antonio
lu nemice de lu Dimonio


Li parent’ ‘e Sant’Antonio
una moglie gli vogliono dare
ma lui nun ne vuol sapere
nel diserto si fa mandare
pe’ ‘nn ave’ la siccatura
de sta’ a ‘ffa ‘na criatura. RIT.

Sant’Antonio a lu disertu
s’appicciava ‘na sigaretta
Satanass’ pe’ dispietto
je freghette la lumetta
Sant’Antonio non se la prende
Cu ‘nu prospero se l’accende. RIT.

Sant’Antonio a lu disertu
si faceva la permanente
Satanass’ pe dispietto
je freghette la corrente
Sant’Antonio non s’impiccia
cu ‘lle dita se l’arriccia. RIT.

Sant’Antonio a lu disertu
s’ cuciva li pantalune
Satanass’ pe’ dispietto
je freghette li buttune
Sant’Antonio se ne frega
cu lu spago se li lega. RIT.

Sant’Antonio a lu disertu
cucinava le spaghett’
Satanass’ ‘stu fetente
je freghette le furchette
Sant’Antonio nun se lagna
Cu le mani se le magna. RIT.

Sant’Antonio a lu disertu
se lavava l’insalata
Satanasso p’ dispietto
je tirette ‘na sassata
Sant’Antonio lo prese pel collo
e lo mise col culo a mollo. RIT.

Sant’Antonio a lu disertu
se diceva l’orazioni
Satanass’ pe’ dispietto
je fa ‘o verso de lo trumbone
Sant’Antonio col curtellone
gli corre appresso e lo fa cappone. RIT.

Vi saluto cari amici
lu Signore v’ bennedice
e fa cresce lu patrimonio
cu li grazie ‘e Sant’Antonio
ca dimane è Sant’Antonio
lu nemice de lu Dimonio.

RIT. ad libitum

Contattaci