CuriositÓ, Ciato, Eclissi, Lupo Mannaro

Domenica 04 Marzo 2007

CuriositÓ, Ciato, Eclissi, Lupo Mannaro

Ne ho sempre sentito parlare del lupo Mannaro, e per la veritÓ mi ha sempre fatto una certa suggestione, meglio paura, un lupo che per˛ dialoga con gli uomini nelle notti di eclissi lunare. Ieri notte ho cos?Ę deciso raccogliendo tutte le mie energie di andare durante lé─˘eclissi in un posto isolato per cercare di incontrarlo, la luna era di un rosso non descrivibile, di un rosso spento, smorto chiazzato, lé─˘aria intorno abbastanza fredda e stranamente asciutta rispetto alle serate precedenti, poi ad un tratto é─Âé─Âé─Âé─Âé─Â é─˙Mario, tu sai molto di me, hai avuto coraggio, tu credi nei racconti della nonna, nella saggezza dei tuoi avi, che io sia qui Ŕ la prova di tutte le storie che sulla luna ti hanno raccontato. La luna era una parte della terra, un posto meraviglioso dove tutti potevamo vivere in pace, un giardino pieno di fiori, di alberi da frutto, dove nessuno aveva paura dellé─˘altro, gli uomini volavano sulle ali degli uccelli, giocavano coi lupi, si rinfrescavano in acque cristalline, poi lé─˘uomo si ribello alla natura, cerc˛ di governarla anzich?ę aiutarla, allé─˘ora lo Spirito dellé─˘universo scagli˛ una grande freccia di fuoco che stacc˛ una parte della terra e la caccio la dove non ci poteva essere vita. Ma la luna non scord˛ mai di essere parte di noi e per ricordarcelo esercita sui di noi alcuni dei poteri che ha conservato; alza e abbassa le acque, le intorpidisce e le schiarisce, aumenta le nascite nei giorni di luna crescente come ti raccontava il papÓ nella stalla, ricordi la sua voce,-vieni andiamo a letto tanto la Mora partorirÓ fra tre giorni al terzo quarto di luna-, -domani andiamo dal barbiere intanto che cé─˘Ŕ luna calante, altrimenti se aspettiamo quindici giorni i capelli crescono pi¨ in fretta e pi¨ deboli e rischi di perderli-. Ricordi? Ricordi lé─˘orto della mamma, dai che in settimana dobbiamo finire di seminare le cicorie e i fagioli prima che cambi la luna, la settimana prossima a luna calante metteremo le piante da tubero. Ricordi i racconti dei vecchi nella stalla, la raccolta delle noci allé─˘alba del d?Ę dopo il solstizio di primavera per preparare il nocino, i bovari che durante le notti di luna piena andavano per boschi e radure a raccogliere strane erbe per curare alcune patologie degli uomini e degli animali?. Questa Ŕ la luna a cui quasi nessuno presta pi¨ attenzione, che nessuno ricorda come parte di noi. Speriamo di ravvederci per tempo prima che il grande Spirito torni a perdere la pazienzaé─¨ Poi per magia, come era arrivato, il lupo spar?Ę, tanta lé─˘emozione che non ricordo se nellé─˘andarsene mi abbia leccato la mano come un docile cagnolino o sia corso via come se lui avesse paura di me.

Contattaci