Viaggio a Parma

Venerdý 04 Ottobre 2013

Viaggio a Parma

Il parmense è zona ricca di produzioni autoctone e accanto a quelle più famose e rinomate ci sono moltissimi prodotti poco conosciuti che vale la pena di scoprire.
Dalle acque del Po agli Appennini che ci uniscono alla Liguria e Toscana, sono tanti gli itinerari per coloro che vogliono abbinare alla cultura e alla bellezza paesaggistica la scoperta dei sapori che nascono dalle terre Parmensi.
Lasciatevi rapire dai vini, Malvasia di Candia, Lambrusco, Colli rosso Parma e Sauvignon.

Immerse fra i vigneti, le aziende agricole hanno mantenuto le tecniche di lavorazione tradizionali per rendere i loro prodotti unici.
Langhirano, non è solo prosciutto di Parma, ma dolci colline, e anche qui si coltiva la passione per il vino, simbolo italiano per eccellenza, che accompagna la fantasiosa cucina di un  “mare di sapori”.
Sapori decisi, come il Parmigiano-Reggiano il salame di Felino e il tarufo di Fragno. Una miriade di colori e profumi che incontri e annusi percorrendo la “strada del prosciutto e dei vini dei colli di Parma”.
Per chi cerca un gusto pregiato e particolare,  deve ancora a mano le “rezdore”, preparano i primi piatti della tradizione parmense e bene pernottare a Ciato, antica azienda agricola posta sulla pedemontana a quattro passi dal castello di Torrechara, il più affascinante e famoso del circuito “Castelli del Ducato”.

La strada del prosciutto è un marchio sinonimo di eccellenza della buona tavola della provincia che propone itinerari all'insegna del gusto. Una guida che vi condurrà tra i ristoranti e le botteghe migliori, caratterizzati da produzioni tipiche e di qualità, dove il legame con il territorio e la genuinità sono gli ingredienti più importanti: dalla cucina della città ai piatti tipici di montagna, una straordinaria ricchezza invidiata in tutto il mondo.
Dagli anolini, ai tortelli di erbetta, dalla lonza al forno, alla duchessa di Parma piuttosto della “vecia Pramzana”; sono tante le pietanze che vengono ancora preparate alla maniera di una volta, come facevano le nostre nonne.


 

Contattaci